MIGLIORAMENTO ENERGETICO DEGLI EDIFICI

DIAGNOSI ENERGETICA E SOPRALZO DI UN EDIFICIO RESIDENZIALE BIFAMILIARE
Lombardia - 2012
La presente diagnosi energetica - studio di fattibilità, ha per oggetto il miglioramento energetico di un edificio residenziale bifamiliare costruito nella prima metà del 2000 in Provincia di Como, unitamente al recupero del sottotetto di una delle due abitazioni.
Secondo la richiesta del committente, è stata elaborata una ipotesi progettuale 1, che prevede il sopralzo del fabbricato con l’aggiunta di una scala interna di collegamento con l’unità abitativa posta a piano terra, ma anche una ipotesi progettuale 2 che prevede una possibile futura riorganizzazione, con ingresso indipendente al sopralzo, direttamente dall’esterno.
Lo studio è partito dall’analisi dello stato di fatto e dei vincoli:
  1. analisi dell’involucro termico, come descritto nelle Relazione redatta ai sensi della legge 10/91 e secondo quanto indicato in occasione dei sopralluoghi, con restituzione dell’incidenza percentuale delle superfici disperdenti e delle relative dispersioni termiche, compresa la ventilazione degli ambienti;
  2. analisi dell’impianto di riscaldamento suddiviso per sottosistemi:
    1. sistema di generazione: caldaie murali a gas metano a camera stagna e tiraggio forzato con boiler ad accumulo da 60 litri;
    2. sistema di regolazione: regolazione della temperatura ambiente con orologio programmatore settimanale e giornaliero di tipo on/off, agente sulle valvole di zona;
    3. sistema di distribuzione: collettori complanari, con tubazioni di mandata e ritorno per ogni singolo corpo scaldante;
    4. sistema di emissione: radiatori in ghisa;
  3. analisi dei vincoli strutturali e dei vincoli urbanistici, edilizi e territoriali.

Sull’ipotesi progettuale 1, sono quindi state prospettate due soluzioni, dal punto di vista energetico:
  1. Soluzione progettuale “A”:
    1. nuova copertura coibentata in fibra di legno;
    2. cappotto termico in polistirene su tutte le pareti esterne del fabbricato;
    3. tende solari sul prospetto sud, finalizzate ad evitare il surriscaldamento estivo;
    4. pannelli solari termici ed accumulo inerziale, per la produzione di acqua calda sanitaria;
    5. valvole termostatiche su tutti i radiatori del fabbricato;
    6. nuova scala interna, impianti elettrici, idrico sanitari e opere interne di completamento.
  2. Soluzione progettuale “B”, energeticamente più efficiente, prevede in aggiunta alla precedente soluzione:
    1. sostituzione di tutti gli infissi esterni;
    2. incremento degli spessori della coibentazione su tutto l’involucro termico;
    3. impianti di ventilazione meccanica controllata;
    4. implementazione successiva con:
    5. impianti fotovoltaici;
    6. impianto di raffrescamento - riscaldamento con split e pompe di calore reversibili;
    7. stufa a legna in pietra ollare.

Quindi per entrambe le soluzioni progettuali “A” e “B”, sono stati esposti i seguenti risultati:
  1. valutazione dell’incidenza percentuale delle superfici disperdenti e delle relative dispersioni termiche, compresa la ventilazione degli ambienti;
  2. valutazione della riduzione dei consumi e relativi costi per il riscaldamento;
  3. valutazione dei costi dell’intervento edilizio.

Dall’esame dei costi ricavati è stato infine possibile procedere ad una valutazione della fattibilità economica dell’investimento, dei tempi di ammortamento e del tasso di rendimento dell’investimento, tenendo in considerazione i seguenti dati:
  1. riduzione delle spese di riscaldamento;
  2. detrazioni fiscali sui lavori di riqualificazione energetica dell’involucro edilizio e per pannelli solari termici;
  3. detrazioni fiscali sui lavori di ristrutturazione edilizia;
  4. aumento del valore del fabbricato esistente a seguito dei lavori di riqualificazione energetica: importi desunti da Borsini Immobiliari ufficiali;
  5. valore commerciale del sottotetto recuperato a superficie abitativa: importi desunti da Borsini Immobiliari ufficiali.

Il cliente è stato in tal modo messo nelle condizioni di valutare le potenzialità di miglioramento energetico del proprio fabbricato e, conseguentemente, l’intervento che più si addiceva alle proprie aspettative e possibilità.
Delle due soluzioni prospettate il committente ha successivamente scelto la soluzione B, più efficiente dal punto di vista energetico.
TIPOLOGIA DI INTERVENTO: Diagnosi Energetica e Ampliamento

DESTINAZIONE: Residenziale

LOCALIZZAZIONE: Lombardia

L’Audit (o check up energetico) di un fabbricato prevede l’esecuzione di un sopralluogo e l’esame della documentazione disponibile, la raccolta di tutte le informazioni, necessarie al successivo inserimento dei dati rilevati in uno strumento di calcolo, per finire con l’elaborazione di un modello matematico dell’edificio.
Si ottiene così il profilo dei consumi di energia e la loro attribuzione ai singoli componenti dell’edificio.
SEDE DI MERATE - Tel./Fax: 039 990 12 67 - Mobile: 339 4391451
info@sonnergie.it
SEDE DI CANTU’ - Tel./Fax: 031 05 60 288 - Mobile: 347 5447225